Come fare il porridge, la colazione più cool di Instagram!

come fare il porridge

Come fare il porridge, la colazione più cool di Instagram!

Mi rendo conto che questo è un momento estremamente impopolare per parlare di cose britanniche, ma prima di spiegare come fare il porridge sento di dover fare una piccola digressione autobiografica. (Magari invece vuoi andare subito alla ricetta: scorri fino in fondo).

Adoro il Regno Unito. Amo le scrittrici inglesi, mi fa impazzire l’accento British, adoro Sua Maestà e mi struggo davanti a Downton Abbey, The Crown, ma anche Fleabag e Sex Education. Cerco di tornare a Londra ogni volta che posso (devo rimediare presto, by the way), ma anche di fare qualche scorribanda nella verde campagna inglese. Ho pianto davvero per la Brexit.

Quando ero piccola, tra i 9 e i 16 anni, ho trascorso ogni estate in Inghilterra. Erano gli anni 90: oltre ai Levi’s 501, ai ciuffi cotonati e a Cioè, andavano di moda le “vacanze studio”. Si partiva con un aereo British Airways – perché le low cost non le avevano ancora inventate – e si sbarcava in massa nei college disabitati durante i mesi estivi.

I nostri Gordon, Jamie e Nigella erano giovani, carini e forse non disoccupati, ma sicuramente sconosciuti. E il cibo faceva veramente schifo.

Mi ospitava, nella sua graziosa casetta arredata in stile kitsch-dadaista, Mrs. Webbs: di lei ricordo le lenti spesse, la gentilezza spiazzante e la risata chioccia che scoppiava per i più futili motivi; ma anche gli spaghetti collosi al ketchup, i sandwich al pomodoro e prosciutto (dove il suddetto pomodoro imbeveva il pane industriale, rendendolo una poltiglia immangiabile), il pudding del Tesco con la Custard Cream in bustina. Sembrano passati millenni, ora che il rinascimento culinario ha reso Londra e le altre metropoli mete imprescindibili per chi ama il cibo. Ma fu proprio lì che conobbi la colazione che ora tutti fotografano su Instagram: il porridge.

https://www.instagram.com/p/6vYjg4HOJT/?hl=it

La pappa d’avena, da Charles Dickens a Instagram

Il porridge altro non è che una crema di cereali: di solito si usa l’avena in fiocchi, che conferisce una consistenza molto cremosa e ricca. Questo però non significa che non si possa fare con altri cereali, in fiocchi o in chicco: in quest’ultimo caso basterà farli “stracuocere” fino a ottenere una crema (come si fa con il risolatte, per esempio).

Forse i tuoi ricordi sono legati ai romanzi di Charles Dickens, in cui i malcapitati protagonisti vivevano di questa pietanza: ogni Paese aveva la sua working class costretta a cibarsi di piatti poveri ma sostanziosi. Da noi c’era la polenta, per esempio, che non è tanto distante come concetto.

Ma dovrai ricrederti, perché il porridge vive uno straordinario momento di popolarità sui social e non solo. E il motivo è semplice: è una colazione facile da preparare, sana, gustosa, molto saziante e che può essere anche assai bella da vedere!

https://www.instagram.com/p/Byn0r4uAEut/

Perché fare colazione con il porridge di avena

Ci sono innanzitutto tantissime buone ragioni per fare colazione, in generale. Se non lo sapeste già:

  • La colazione ci dà un senso di sazietà e ci aiuta a evitare di ricorrere a snack o di mangiare troppo durante la giornata
  • La colazione dà la carica al metabolismo. Attivare il metabolismo al mattino presto aiuta a bruciare calorie durante il giorno

  • La colazione aiuta il nostro equilibrio mentale. La stabilità dei livelli di glucosio aumenta la nostra capacità di concentrarci, di ragionare e di elaborare informazioni

Se preparate il porridge d’avena, poi, potete sfruttare al massimo le proprietà di questo cereale. Originario di India, Egitto e Cina, oggi la sua coltivazione è diffusa in tutto il mondo, anche se per tradizione la troviamo soprattutto nei paesi nordici. Nel suo profilo nutrizionale spicca la presenza di vitamine del gruppo B e di minerali come calcio, fosforo, magnesio, manganese, ferro, zinco e rame.

L’apporto di fibra è prezioso anche per la salute intestinale, e per aumentare il senso di sazietà. Ma è la presenza di un tipo di fibra solubile molto preziosa, il betaglucano, a renderla così interessante. È una sostanza che aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo e il livello di zuccheri nel sangue, inoltre è in grado di migliorare significativa la risposta immunitaria del nostro organismo rispetto alle infezioni batteriche.

https://www.instagram.com/p/BtNh38NAngT/

Come fare il porridge: idee e abbinamenti

La ricetta del porridge è talmente semplice che è più lungo scriverla che farla: la trovi comunque qui sotto. Come vedi, io uso solo acqua per cuocere l’avena, ma si può usare latte vaccino o vegetale (io preferisco aggiungerlo dopo).

Puoi preparare tutti gli ingredienti la sera prima e cuocere al mattino, impiegherai ancora meno tempo. Oppure puoi prepararne un po’ e conservarlo in frigo, in contenitore ermetico, per un massimo di 5 giorni.

Ecco qualche idea di topping e condimento per la crema base:

  • Dolcificanti: datteri frullati, uvetta (anche in cottura), fichi secchi, sciroppo d’acero, malto d’orzo o miele. Io scelgo sempre frutta essiccata.
  • Frutta fresca: banane, mele, fichi, more, lamponi, fragole. Vanno bene crudi, cotti in padella o al forno o anche decongelati (per sapere come congelare in sicurezza, leggi la mia guida).
  • Latte e derivati: vaccino o vegetale, yogurt (anche vegetale), ricotta. Aumentano la cremosità.
  • Frutta secca: in crema (tahine, crema di nocciole o di mandorle) per una consistenza vellutata. In semi tostati (o in scaglie, se si tratta di cocco disidratato) per un po’ di croccantezza.
come fare il porridge

Porridge di avena - Ricetta base

La classica base del porridge a cui aggiungere topping e ingredienti a piacimento
Preparazione5 min
Cottura10 min
Portata: Colazione
Porzioni: 4 persone

Ingredienti

  • 1 tazza fiocchi di avena piccoli
  • 3 tazze acqua
  • 1 pizzico sale

Istruzioni

  • Inserisci a freddo tutti gli ingredienti nella pentola: acqua, fiocchi di avena e un pizzico di sale.
  • Cuoci a fuoco moderato, mescolando di continuo con il manico di un cucchiaio di legno.
  • Fai addensare, fino a che non ha la consistenza di una crema: ci vorranno circa 10 minuti. A questo punto è possibile condirlo come si preferisce!
Stampa ricetta

Newsletter

Ogni mese mando una newsletter (una sola!): se ti iscrivi, riceverai dei contenuti esclusivi, pensati proprio per te che vuoi essere felice in cucina.

Quando organizzerò corsi o eventi speciali, sarai il primo a saperlo. E poi, potrai accedere a una sezione segretissima del mio sito: non sei curioso?